Ultimo piano del Grattacielo Pirelli realizzato negli anni ’50 dall’architetto italiano Giò Ponti.

E’ questo lo scenario scelto dal fotografo di moda Toni Thorimbert che firma gli scatti della prima campagna pubblicitaria Peuterey Aiguille Noire FW 2010/2011.

Un omaggio ad uno dei simboli della città di Milano che riassume alla perfezione tutte le caratteristiche del luogo ideale per rappresentare l’esprit di una collezione che si impone come continuo desiderio di evoluzione e ricerca di insoliti sentieri della creatività.

Un ambiente che quasi vuole essere senza spazio e senza tempo, ma che richiama un immaginario futurista costruito su forme fluide e linee spigolose, dov’è il dinamismo a farla da padrone e dove, in un total white quasi surreale, irrompono con forza e carattere un uomo e una donna che affrontano con determinazione le occasioni della vita.

E’ il grigio ad imporsi come nuova cromia dominante, riprendendo i colori di una location dai gusti metropolitani, di quella Milano appartenuta ad Alda Merini, Indro Montanelli ed Eugenio Montale.

Una Capsule Collection, questa, che non sostituisce la classica ed ormai famosa collezione Peuterey, ma bensì l’affianca, l’arricchisce.

Attraverso Aiguille Noire dunque, Peuterey si propone di creare un contenitore di sperimentazione di concetti, di oggetti e materiali destinati a diventare simbolo di qualcosa che s’impone di vivere quasi fuori dal tempo.

Unknown source

Unisex Outlet 468x60