Ieri,22 settembre, ha avuto ufficialmente inizio la Settimana della Moda, che durerà fino al 28 settembre. Ha dato il via a questa kermesse la sfilata di Elena Mirò, show che si è tenuto in mattinata nonostante non sia stato incluso nel calendario ufficiale della Settimana della Moda. Questa stilista è conosciuta per le sue modelle, dalle forme morbide e comuni,che sono state esempio di gran classe ed eleganza. A seguire, è stata la volta di Angelo Marani che ha presentato dei capi dai colori fluo e psichedelici; la sua sfilata si compone di pochi pezzi, ma ad effetto! Corti tutù bianchi o rosa si gonfiano sotto magliette a righe di pailletttes o camicette in jeans, pantaloni asciutti in pelle azzurra si portano con magliette maculate ton sur ton, miniabiti bustier lasciano spuntare le culottes in pizzo sangallo.
Non possono mancare ankle boots con tacco rigido e tante stringhe, grintosi come le borse borchiate.
In fine, non di minore importanza, la sfilata di Gucci. Sfilata innovativa, in quanto la maison ha permesso a comuni mortali,tra i quali la sottoscritta, di guardare lo show direttamente da casa, attraverso il sito Gucci Connect.
Colori fluo, dal fucsia, al blu elettrico, al verde smeraldo, al viola, mixati tra loro in originali combinazioni, sono stati la dominante della prima parte della sfilata. Entusiasmante e dinamica, a differenza della seconda parte della collezione, che ha visto nuovamente trionfare il nero e il beige, con una cascata di nappine e di frange di chiara ispirazione araba. L’ultima parte dello show ha visto uscire in passerella donne affascinanti e di altri tempi: abiti inneggianti la civiltà precolombiana hanno chiuso la sfilata. Questo è il bilancio della prima giornata di questa lunga settimana di eventi e mostre, in collaborazione con la Camera della Moda e il Comune di Milano.

Unknown source

Unisex Outlet 468x60