THE ORGANIC CAN SAVE THE WORLD,

IL BIOLOGICO SALVERA’ IL PIANETA

 

Inizia con una simbolica semina la presenza di Vandana Shiva nel parco della Biodiversità di semi locali e tradizionali di okra, zucca e melone provenienti dal circuito Navdanya assieme alle Donne in Campo della Cia, per dare un chiaro segnale della portata del forum e degli obiettivi che i tavoli di lavoro che si susseguiranno presso il Parco della Biodiversità per tutto il periodo di Expo vogliono raggiungere.

Un forum internazionale sull’agricoltura biologica per dare delle risposte concrete al tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita. Il forum, che si è insediato in occasione della cerimonia di inaugurazione del Padiglione del Biologico e del Naturale realizzato da Bologna Fiere all’interno del Parco tematico della Biodiversità di Expo, si svolgerà per tutto il periodo dell’Esposizione anche con incontri tematici a cui parteciperanno esperti nazionali ed internazionali. “La scelta dell’agricoltura biologica è il primo indispensabile passo per restituire fertilità al suolo” ha sottolineato nel corso dell’inaugurazione Vandana Shiva, ecologista indiana e presidente di Navdanya International, che ha inoltre presentato il Manifesto Terra Viva, elaborato da venti esperti di tutto il mondo: “Dal Manifesto emergono almeno nove assi strategici che rafforzano l’appello verso il biologico. Un appello che deve partire anche da Expo”.

“In questa fase – ha spiegato l’attivista della difesa della biodiversità – l’agricoltura biologica può fornire risposte assolutamente necessarie al cambiamento climatico in atto, restituendo fertilità ai suoli, immagazzinando i gas serra che stanno distruggendo non solo il Pianeta ma la sopravvivenza delle nostre culture e forse della stessa umanità. Biologico significa inoltre biodiversità delle colture e dei semi, un forziere di opportunità per fare fronte al cambiamento climatico globale. Biologico significa lavoro nelle campagne e lavoro creativo per i giovani, in antitesi all’agricoltura industriale. E significa agricoltura familiare, valorizzazione dei territori, riconoscimento del ruolo delle donne nella produzione e nella preparazione del cibo”.

Emblematico l’inizio dei corsi di formazione di Biochef Cooking a Firenze con l’apertura di Expo, corsi che hanno come scopo quello di creare una nuova figura professionale: il “BioChef”, che dovrà essere in grado di unire le competenze tipiche dello chef ad una spiccata sensibilità orientata al mangiar sano.

Il BioChef per essere considerato tale, dovrà conoscere le produzioni tipiche e tradizionali del territorio in cui opera, la stagionalità dei prodotti ortofrutticoli e dovrà essere capace di pianificare e realizzare menù all’insegna di una cucina creativa e sana, proponendo ai suoi clienti ricette etiche, salutistiche e rispettose dell’ambiente. Il BioChef dovrà essere capace di unire qualità e sostenibilità, gusto e salute, sicurezza e tracciabilità, tecnologia e tradizione.

Nel team dei docenti di Biochef una importante new entry, il Dottor Ciro Vestita, laureato in medicina e specializzato in Pediatria, svolge la sua attività di dietologo e fitoterapeuta; infatti una sua “massima” che ripete ai suoi pazienti: “Le piante e i loro aromi sono spesso una validissima alternativa alla chimica”

 

PressOffices: Cristina Vannuzzi Landini

cristina.vannuzzi@gmail.com

 

BIOCHEF COOKING

Geo Chemic Lab Srl

Sede Formazione Via del Ponte Sospeso 24/R – Firenze

Telefono 392.9048952 – Fax 0588.553114 E-mail info@biochef.cooking

Sede Operativa Corsi

Lidò le Panteraie Via delle Panteraie 26 Montecatini Terme

.

Source: press

Unisex Outlet 468x60