moda-anni-20Ruggenti Anni ’20, gli anni del primo dopoguerra, della rinascita, dopo la paura la voglia di divertirsi, di stupire, di provocare.

Allora erano le lunghe sigarette delle ballerine di Charleston, i loro capelli alla garçonne, gli abiti svolazzanti per divertenti fox trot,  le piume a decorare audaci frangette.

Alleato fondamentale di quella rivoluzione di costume fu certamente il trucco.

Gli abiti nella loro sfarzosità mantenevano comunque nuance eteree, come etereo era l’incarnato, lunare.

Al contrario, occhi e labbra abbandonavano l’effetto natural per osare toni altamente seduttivi.

Il trucco diventava smoky per gli occhi, le labbra ridotte nelle dimensioni ma rigorosamente dark. Soppracciglia quasi inesistenti lasciavano spazio a palpebre dal trucco teatrale.

Estate 2009, i Ruggenti Anni 20’ tornano di moda, il libro cult sotto l’ombrellone è “Zia Mame”.

Autunno\Inverno 2010, le flapper girls sono tornate.

Nell’haute couture Re Giorgio ci stupisce con abiti fluttuanti, opulenti, scintillio di paillettes per ostentare una nuova ricchezza, l’ispirazione è “Il Grande Gatsby”.

Nel maquillage Chanel lancia una linea ispirata alle folli notti del Charleston, con eyeshadow come gloss dalle  nuance rigorosamente dark. Esaltano questo effetto le Folies Noires, ombretti setosi con 4 varianti di nero dal purple al petrolio, per sguardi profondissimi, misteriosi.

Per labbra e manicure l’effetto è in pendant, purple, vinilico, scioccante e ultraglamour, da vera flapper!

Unknown source

Unisex Outlet 468x60